Prossima la pubblicazione della nuova norma sulla sicurezza dei carri raccogli frutta

Pubblicata la norma: EN 11697:2017 – Privacy
19 Dicembre 2017
Centro di solidarietà L’Alberone – Onlus
27 Dicembre 2017

Prossima la pubblicazione della nuova norma sulla sicurezza dei carri raccogli frutta

Le piattaforme semoventi per la raccolta della frutta  sono macchine impiegate in agricoltura per accogliere sulle proprie piattaforme, a volte elevabili, gli operatori addetti alla raccolta e cernita della frutta e alla potatura delle piante. Questo mezzo rappresenta la tipologia di macchina più diffusa sul mercato e sul territorio nazionale dove si riscontrano prevalentemente due tipi di carri: semoventi e trainati.

Il D.M. 11/04/2011 ha modificato la competenza delle verifiche periodiche dei carri raccogli frutta, prima in capo all’Ispettorato del Lavoro, assegnandola all’Inail, alle Asl/Arpa ed ai soggetti abilitati.

La mancanza di una norma europea armonizzata, o di una norma nazionale specifica, ha alimentato diverse interpretazioni delle modalità di verifica da parte della moltitudine di verificatori e ha dato luogo a interpretazioni ambigue della Direttiva macchine, che possono creare conflitti di interessi economici, da parte dei costruttori, dimenticando che le norme di sicurezza hanno come obiettivo finale la salvaguardia della vita umana e del benessere dei lavoratori.

Dall’Inail un approfondimento su “La nuova normativa armonizzata su carri raccoglifrutta”, a cura di Vincenzo Laurendi (INAIL Roma), presentato al convegno “Verifiche ed utilizzo in sicurezza dei carri raccogli frutta”.

L’obiettivo della nuova norma è quello di uniformare i comportamenti, nel rispetto dei ruoli e della normativa, per ridurre gli infortuni in un settore importante come l’agricoltura.

La norma, utilizzata insieme con la EN ISO 4254-1 e la EN 15811, specifica i requisiti tecnici e le misure di sicurezza per piattaforme di lavoro semoventi fuoristrada destinate a operare nei frutteti aventi le seguenti caratteristiche o prerogative:

  • altezza massima della macchina pari a 3 m
  • proiezione verticale del centro dell’area della piattaforma in tutte le sue configurazioni e alla massima inclinazione del telaio come specificato dal costruttore sempre all’interno delle linee di ribaltamento,
  • destinate ad essere usate in agricoltura;
  • progettate per lavorare su terreni naturali non preparati e/o sconnessi;
  • progettate per spostare almeno due persone alle posizioni di lavoro in un frutteto per eseguire dalla piattaforma operazioni di raccolta della frutta, di diradamento, di potatura, o altre operazioni necessarie per il frutteto.

I pericoli rilevanti:

  • Perdita di stabilità
  • Cedimenti strutturali
  • Caduta dell’alto
  • Scivolamenti, urti e cadute durante la salita e la discesa dalle piattaforme di lavoro
  • Schiacciamenti e/o cesoiamenti con organi in movimento

Carichi e sollecitazioni:

  • carico nominale;
  • carichi strutturali;
  • carichi del vento;
  • sollecitazioni manuali;
  • carichi e sollecitazioni particolari

Per ciascuno dei carichi considerati la norma stabilisce i coefficienti di sicurezza e i criteri di calcolo ai fini della stabilità.

Le WPO devono essere dotate di dispositivi di comando che riducano il rischio di ribaltamento e di superamento delle sollecitazioni ammesse, mediante una delle seguenti soluzioni:

  • sistema di rilevamento del carico e di regolazione della posizione di sollevamento;
  • regolazione della posizione di sollevamento con criteri avanzati di stabilità e sovraccarico

Fonte e approfondimenti : INAIL ( NUOVA NORMATIVA ARMONIZZATA SU CARRI RACCOGLI FRUTTA)

Area riservata